C’era una volta…

C’era una volta una mamma che aveva incontrato un piccolo pesciolino solitario in fondo ad un lago. Il lago aveva dei bei colori e lì il pesciolino stava bene, ma ad un tratto una rete tentò di intrappolarlo e la superficie del lago si incendiò. La mamma capì che per il bene del pesciolino doveva lasciarlo andare nelle acque immense del mare: e così fece.

La mamma, rimasta sola, iniziò un lungo viaggio, dove chiedeva a tutte le cose che incontrava: perché?

Nulla sembrava risponderle, così lei spazzava via queste cose mute, e proseguiva.

Un giorno si aggrappò a un filo che le scodinzolava davanti, per strada. Seguì e seguì questo filo, che la portò fino ad una carezza e qui la mamma trasalì: sentì che proprio lì, dentro al suo cuore quel suo piccolino non era mai andato via.

Quando guardi questa mamma, ti accorgerai che il suo sorriso parte da quel punto preciso e abbraccia il mondo.

l'arte di ascoltare

L’arte di ascoltare

è la Pagina Facebook di Leila Mariani, mamma, doula e artista, ideatrice di Spazio per me, un luogo per riscoprire e valorizzare le proprie risorse.

Fra i numerosi laboratori proposti, uno ha catturato la mia attenzione:

La culla vuota

Un percorso di arte e movimento per aiutare le mamme ad elaborare la perdita perinatale di un figlio.

Sappiamo che una nascita attesa e poi mancata, risuona dentro la mamma in modo doloroso. Le persone cercano di starle vicino, ma non sempre si sente capita: questo può suscitarle un sentimento di fastidio e solitudine.

Pensiamo ci sia bisogno di prendersi del tempo, non con la fretta di “sistemare” e lasciarsi alle spalle l’accaduto, quanto per raccogliere tutte le emozioni e pensieri che vi ruotano attorno e, pian piano, integrarli in un suo – nuovo – modo d’essere.

Il nostro piccolo contributo è per innescare questo processo: per questo proponiamo un percorso individuale o di gruppo che si snoda in più incontri, in cui lasciare essere i propri stati d’animo rispetto l’evento luttuoso e provare a depositarli su una tela; anche, provare a dare una forma, nel movimento, a quanto emerge.

In questo spazio-tempo per lei, la mamma sarà accolta, ascoltata e accompagnata da una doula e da una danza terapeuta che la sosterranno in quanto si sentirà di incontrare, di guardare, di esprimere.

Perché arte e danza? Perché pensiamo che in un processo creativo come il trovare un rito che accompagni la perdita di un figlio, questi strumenti aiutino a ricontattare la parte creativa che è potenziale in ognuno di noi.

Dal percorso de La culla vuota, nascono fiabe come C’era una volta…

Le conduttrici del progetto sono:

Elena Rovagnati

pedagogista, psicologa, danza movimento terapeuta. Ha maturato la sua esperienza in anni di lavoro con genitori, figli, famiglie, durante i momenti critici delle tappe di vita: in particolare, ha sviluppato una personale metodologia per la gravidanza e la genitorialità.

Leila Mariani

doula e artista. Ha maturato la sua esperienza lavorando per anni nell’ambito della comunicazione visiva e sperimentando l’arte come canale espressivo. Lavora come doula accogliendo e ascoltando mamma, papà e bambino in gravidanza, travaglio-parto e dopo parto.

Gli incontri hanno luogo a Mariano Comense.

Per ricevere informazioni sugli incontri è possibile scrivere a: leilamariani@spazioperme.it

Lascia un commento