Da noi c’è una tradizione: in occasione del compleanno, il festeggiato decide il menu.
Menu completo: dall’antipasto al dolce.

Cucino io, sempre, anche quando il compleanno è il mio! 🤪

A questo giro la torta di frutta è stata il mio cruccio.

Verrà buona nella versione vegana?

Vegana? Cioè?

C’è chi fatica a tenere a mente il significato della parola ‘vegano’: l’altro giorno, in un panificio-pasticceria – con tanto di cartello “produzione propria” – ho chiesto se potessero prepararmi un panettone o una torta veg e mi hanno risposto che usano farina normale 😅, ovviamente non ho insistito…

Vegano significa senza ingredienti di origine animale: senza latte e derivati, uova, pesce, maiale, bovino…

Pesce, maiale e bovino? Che c’entrano con la torta di frutta?

Eh… Nella torta di frutta c’è la gelatina, che può essere ricavata dal tessuto connettivo del pesce, del maiale, del bovino (sapevate di mangiare frutta annegata in collagene di animali?), oppure dalle alghe o dalla frutta. Quindi attenzione alla gelatina 🧐

Ogni promessa è debito, perciò, vinta la paura, eccola qui, la torta di frutta vegana, comprensiva di gelatina vegetale.

Ma saprà anche di qualcosa?

Perché se togli le uova (come farà poi a stare insieme senza le uova! 😲), il burro (di cosa sa la pasta frolla senza burro? 🤔), e il latte (crema pasticcera senza latte??? 🤥) che torta potrà mai essere?

Potrà essere una torta buona quanto è bella. 🥰

Per una che detesta cucinare, niente male! Me lo dico da sola 🤣

torta di frutta vegana

Pasta frolla:

60 ml olio di semi
70 ml acqua (tiepida)
80 g zucchero
250 g farina integrale
Scorza di limone
1 cucchiaino di lievito per dolci

Inseriti tutti gli ingredienti nel robot da cucina, li ho mescolati finché hanno formato una palla. Eventualmente aggiungere acqua al filo, o farina, se l’impasto dovesse risultare troppo friabile o troppo appiccicoso.
Ho cotto in forno preriscaldato a 180°C per 35 minuti circa. Ho lasciato raffreddare.

Crema pasticcera:

500 ml latte di soia
50 g amido di mais
80 g zucchero
vaniglia

Ho portato a bollore mescolando continuamente, fino a raggiungere la densità desiderata.

Gelatina

Ho acquistato il preparato da Natura Sì e seguito le indicazioni.

Quando la base si è raffreddata, ho aggiunto la crema. Ho lasciato che si intiepidisse preparando la frutta. Disposta la frutta, ho chiuso con la gelatina. Ho lasciato in frigorifero un paio d’ore.

Buon appetito!

Lascia un commento