Informativa cookie

Un mondo di psicologia

blog della Dr.ssa Cristiana Spiridigliozzi consiglia la lettura di Questione di biglie

Mi capita spesso durante il lavoro con i pazienti di dare dei consigli di lettura (alle volte anche cinematografici e ne parlerò in un prossimo post).
Credo che sia un modo per favorire ed ampliare il lavoro che stiamo svolgendo insieme, una maniera per accompagnarli anche fuori dall’ambiente protetto della stanza di terapia, farli sentire meno soli nelle difficoltà che stanno vivendo e utile per fargli vedere le cose in una prospettiva diversa ma simile.
Un libro che d’ora in poi consiglierò ai pazienti che arrivano a me tramite lo sportello di sostegno per l’aborto A Braccia Vuote sarà sicuramente questo: “Questione di biglie” di Erika Zerbini.
Spiridigliozzi

 

Erika (qui il suo blog dove potete acquistare il libro e trovare altre utili informazioni) è una donna che ha avuto la sfortuna di vivere l’esperienza dell’aborto, esperienza molto frequente e altrettanto frequentemente taciuta e svalutata, è riuscita a passarci dentro, arrivare fino in fondo e a uscirne fuori in un posto diverso, con una consapevolezza nuova.

Da questo posto, con parole sensibili e commoventi, racconta la sua storia e condivide le sue riflessioni con tutte le donne, mostrando loro che la strada per ritrovarsi passa per la legittimazione del proprio dolore.

L’importanza della legittimazione deriva dal fatto che si vive in una comunità e si ha coscienza di sé attraverso il confronto con le altre persone, quindi io posso definirmi più o meno alta, grassa o magra solo rispetto chi ho di fronte. Così se sono in un mondo in cui nessuno mi vede, mi crederò invisibile, se in questo mondo nessuno mi vede e nessuno mi sente, io non esisterò. Il dolore si sente, ma se ne ha coscienza in grande parte attraverso il confronto. Questo è uno di quei dolori che non ha contorni, non ha parole, non ha spazio perché nessuno si occupa di dargliene, quindi è un dolore che non esiste e il peso da portare è duplice: l’incomprensione e il dolore. Se si supera l’incomprensione, si possono indirizzare le energie sul dolore… e sarà già meno pesante. (Questione di biglie)

Grazie alla Dott.ssa Spiridigliozzi

 

Similar posts
  • Lettera all’ostetrica Lettera all’ostetrica Avrei voluto accanto un’ostetrica così… Ho avuto accanto un’ostetrica dagli occhi celesti, che sono impressi in me come uno dei ricordi più dolci di quei momenti. Non ha saputo dire molto, tuttavia erano racchiuse in quello sguardo dolce e amico, le parole che non ha pronunciato. Nel lutto perinatale c’è ancora molta strada [...]
  • Questione di biglie Recensione a cura di Tiziana Viganò Dà voce alla sofferenza. Il dolore che non parla imprigiona il cuore agitato e lo fa schiantare. (William Shakespeare) Possiamo essere madri, ma solo chi ha provato la perdita di un figlio non nato o già nato può realmente capire e condividere l’intensità estrema di un dolore che rischia [...]
  • Addomesticami! “Tu fino ad ora sei per me un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E io non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe come centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, [...]
  • Tratto da “Nato vivo” Nato vivo (2014) La morte di un figlio durante l’attesa sembra essere un evento circoscritto. Vale per quel figlio ormai morto. Vale finché non ne arriva un altro. L’arrivo di un altro figlio cancella il figlio morto, cancella la reale possibilità di un’altra perdita. Tratto da Nato vivo Si riparte resettati: questo è ciò che [...]
  • Nato vivo Federica, Manuela ed Elisa, sono alcune delle mamme con cui ho condiviso il dolore d’avere perso un bambino durante la sua attesa. Federica mi ha raccontato la sua fatica durante la nuova gravidanza avvenuta dopo i suoi lutti. Manuela ed Elisa oggi mi raccontano la loro durante le loro nuove attese. Queste testimonianze mi dicono [...]

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'esperienza non è ciò che accade ad un uomo, ma ciò un uomo realizza utilizzando ciò che gli accade. Aldous Huxley

Maternità interrotta

Maternità interrotta

pubblicato dal Corriere della sera

La favola delle biglie

La favola delle biglie

ebook

Recensione

Recensione

a cura di Tiziana Viganò

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: