Informativa cookie

Scatti silenti…

Link
Mi giunge notizia dell’organizzazione no profit Now I Lay Me Down, la cui iniziativa è quella di “permettere ai genitori di immortalare gli ultimi istanti del proprio bebè perché il dolore trovi conforto nel ricordo”.
Guardo queste foto e penso che ridurre tutto a permettere loro di avere ricordo del loro figlio perso sia riduttivo.
Dentro queste foto c’è molto di più!
Immagino quella mamma e quel papà avere riflettuto se questo gesto potesse essere per loro di sollievo.
Li immagino confrontarsi, mentre sono sopraffatti dal dolore.
Immagino quella mamma vestirsi, scegliere gli abiti con cui apparire la mamma del suo bambino, in quello che potrebbe essere l’unico scatto che avrà con lui e di lui.
Immagino questi genitori prendere in braccio il loro piccolo che non respira, tenerlo stretto e lasciare che qualcun altro condivida con loro la loro verità: sono genitori di un bambino che non vive.
Questi sono genitori che già stanno seguendo il loro percorso di accettazione.
Questi sono genitori che hanno trovato qualcuno in grado di condividere e legittimare la loro realtà.
Ma in queste foto c’è molto altro ancora.
C’è una realtà socializzata e mostrata al pubblico: tutto.
Mi immagino quelli più reticenti e scandalizzati borbottare quanto sia macabro e poco privato mostrare immagini di cotanta riservatezza…
Perché la morte è un fatto privato.
Ma qui non c’è morte, qui c’è maternità.
Perché è maternità anche quella per un figlio che non respira più.
Se non ci avessero detto in anticipo che la foto rappresentava un bimbo non più in vita, noi non avremmo avuto dubbi sul fatto che fosse un bimbo che stesse dormendo.
Ed è esattamente questo l’aspetto di quei bimbi che sono spesso ignorati e negati: sono bimbi come tutti gli altri.
Nella nostra società, così tanto legata all’immagine, questa è un’iniziativa che vale più di mille parole.
Infine, il mio personale stato d’animo verso questi scatti, è di ammirazione.
Sono scatti che suscitano in me un senso di pace, di verità, perfino di sollievo.
Perché se è vero che alla morte non c’è rimedio, mi rincuora sapere che c’è chi non è lasciato solo.
C’è chi viene trattato come un genitore qualunque, viene mostrato come un genitore qualunque.
Noi, genitori di bambini morti, che di solito stiamo in stanze a parte, di cui non si parla nei corridoi degli ospedali per non suscitare il terrore nei reparti; noi, verso i quali spesso non ci sono cose da dire o non si sa come fare; noi, che talvolta vediamo smaltire i nostri figli non ancora degni d’essere considerati tali; noi che facciamo così tanta fatica ad essere considerati genitori; noi, dei quali ci si dimentica appena non ci si ha sotto tiro, perché il dolore altrui è scomodo e difficile da sopportare.
A noi, che alla meglio vengono fornite informazioni a parte, stiamo nei siti a parte, siamo parte di gruppi a parte, in queste foto, grazie a questi fotografi, siamo esattamente come tutti gli altri.
Similar posts
  • E’ il 16 ottobre e ne siamo con... Ieri è stata una giornata dai risvolti inaspettati… 15 ottobre, Giornata Mondiale di Consapevolezza sul Lutto perinatale. Non mi ha mai convinta molto questa ricorrenza, non certo per l’obiettivo a cui mira, quanto per le modalità con cui aspira a raggiungere la meta. Consapevolezza non è direttamente proporzionale a commemorazione… Tuttavia è un po’ in [...]
  • 15 Ottobre… Anche quest’anno è giunta la giornata mondiale sulla consapevolezza del lutto perinatale. …e mentre penso a quanta consapevolezza quotidiana ci sia in ogni famiglia che affronta questo lutto e in ogni operatore che accompagna le famiglie nel loro percorso, vi lascio il mio articolo per Instamamme. Nella stanza in penombra la sonda scorre sul ventre [...]
  • Bambini speciali Dal blog Professione MAMMA Ne sento parlare continuamente. Sono tanti i bambini ‘speciali’, alcuni lo sono veramente, altri conquistano il titolo unicamente perché hanno la sfortuna di morire prima di nascere, oppure di morire intorno alla nascita. Speciali sono loro e speciali lo diventiamo noi, genitori che subiamo, sopportiamo, conviviamo, sopravviviamo alla loro dipartita. Fa [...]
  • “Nadia”, dal blog di Giul... Dal blog di Giulia Fenni <<Oggi niente foto, volevo solo condividere con voi una cosa che mi è successa… Al supermercato ho incontrato una donna che ha cambiato radicalmente la mia idea di ostetricia e del tipo di ostetrica vorrei essere. Si chiama Nadia, è una ragazza di origini marocchine perfettamente integrata,dato che parla il dialetto [...]
  • Come Leonardo da Vinci Recentemente ho scoperto una pagina Facebook intitolata “Ostetricia & Ginecologia”. L’amministratrice è un’ostetrica appassionata, realista e molto sensibile. Lo scopo della pagina è “raccogliere foto, articoli, esperienze e tutto ciò che riguarda questa branca della medicina”, vi è l’avviso ben visibile di come alcuni contenuti possano essere espliciti, dunque non adatti ai più sensibili. Ebbene, [...]

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L'esperienza non è ciò che accade ad un uomo, ma ciò un uomo realizza utilizzando ciò che gli accade. Aldous Huxley

Maternità interrotta

Maternità interrotta

pubblicato dal Corriere della sera

La favola delle biglie

La favola delle biglie

ebook

Recensione

Recensione

a cura di Tiziana Viganò

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: