Sono quella che la forza se l’è fatta venire, perché non c’era altra scelta.

la forza vive in me
Pagina Facebook: Empatia

C’è sempre una scelta…

La forza non viene perché non c’è altra scelta. La forza viene perché la si cerca, al punto da trovarla.

La si cerca perché non ci si rassegna, perché si desidera superare l’ostacolo, perché qualcosa, anche di indescrivibile, muove oltre. Qualcosa muove in noi: è qualcosa di nostro, infatti nostro è il passo, nostro è l’impulso che lo ha mosso, il muscolo che si è contratto, l’arto che si è spostato.

Mi chiedo per quale motivo cedere alla passività: perché non riconoscersi la capacità di avercela fatta?

Perché c’è bisogno di demandare ad altro (o altri?) qualcosa che evidentemente ci appartiene?

Perché abbiamo così paura di ammettere che è in noi quella spinta vitale che ci porta oltre l’immaginabile, proprio quando sembra non ci sia speranza?

Siamo circondati da frasi come queste. Frasi che non ci riconoscono il ruolo attivo nella nostra vita. Frasi che vogliono raccontarci una storia… la nostra storia.

Beh, non è la mia storia.

Mi oppongo a questa narrazione.

Non mi fa onore.

Sono quella che la forza l’ha trovata perché la voleva trovare.

Ho scelto io per me, ogni volta. Ho scelto per me, con grande fatica, quando tutto sembrava remare contro, quando sembrava non esserci speranza, quando avevo smarrito il senso.

Ho deciso di impegnarmi per ritrovarlo.

Io ho scelto di trovare la forza, perché senza quella forza mi sarei dovuta arrendere, ma non ho voluto!

Non mi sono voluta arrendere.

Io sono forte, perché quella forza vive in me.

Mi appartiene e la userò ogni volta che servirà, finché deciderò che ne varrà la pena. Perché la vita è mia e io ne sono la protagonista.

Io vivo, non mi lascio vivere…

Il mio valore sta lì, nella capacità di attingere alle mie risorse, anche quando sembra impossibile trovarne.

Riprendetevi il vostro valore: se avete trovato la forza di superare l’insuperabile è perché voi siete forti.

Provando a narrare così la vostra storia, non vi suona meglio?

Lascia un commento